Facebook Twitter Gplus LinkedIn YouTube E-mail RSS
Home audiovisivi Lettera aperta di un Telefonino
formats

Lettera aperta di un Telefonino

Pubblicato il 16 agosto 2012, da in audiovisivi, editoriali.

Lettera aperta di un Telefonino
Caro Direttore sono il Telefonino, la sua voce. Vengo subito al dunque, volevo semplicemente parlarle di alcuni problemi che mi affliggono. Devo lamentarmi di alcune cose, non tanto del mio aspetto fisico, che gode di ottima forma perché sono sempre in linea, quanto dei continui cambiamenti che vengono effettuati a mia insaputa, a cominciare dallo squillo. Da quando mi ha inventato Meucci, o chi per lui, ho sempre avuto uno squillo inequivocabile: “Drin”. Semplice essenziale. Sentivi quello squillo ed ero io. Adesso è tutto molto confuso, con tutte queste suonerie ho perso la mia identità. Ultimamente mi hanno fatto pure miagolare, lei non ci crederà, ma mi hanno messo sotto al muso anche una ciotolina di latte. È umiliante miagolare davanti ad altre persone che cercano il gatto vero sotto al tavolo, ed è anche pericoloso. L’altro giorno sono stato azzannato da un Nokia con la suoneria del commissario Rex.  Ho dovuto fare l’antirabbica. Ma le sembra normale? Volete un gatto, ma prendetevi un gatto vero, che fa pure le fusa volendo, io al massimo vibro. Una volta se ti perdevi il telefonino la prendevi a male, perdevi qualche numero di telefono, ma stavi a posto con la coscienza. Adesso perdersi un telefonino con la suoneria di un cane che latra è reato. È abbandono. Non dormi sonni tranquilli, la notte ti sogni il tuo telefonino, Rin Drin Drin, solo, abbandonato sul ciglio dell’autostrada, senza acqua, senza croccantini. Ti alzi di soprassalto, apri gli occhi e sul soffitto t’appare la scritta “IL BASTARDO SEI TU”. È reato, c’è la galera.
trans.gif
Sconsiglio vivamente a chi vive in campagna di mettere la suoneria con gli uccellini, soprattutto quando aprono la caccia. Un signore, mentre andava per cicoria, gli ha cinguettato il cellulare è l’hanno impallinato. È un momento di grande confusione, il mondo si sta rivoltando: le mucche sono pazze, i telefonini abbaiano, il suino c’ha la febbre. Diamoci una regolata, e al maiale diamogli un po’ d’aspirina. E poi questa degenerazione delle telefonate erotiche, le hot line; immagini una hot line con un telefonino che abbaia, più che una hot line diventa una hot dog, poi che fai? Ti mangi il telefonino? Vorrei ricordare che la telefonata erotica iniziò con “uno-quattro-quattro” ed è finita con “uno-quatto-quatto”che fa le sue porcate. È chiaro che poi i bambini chiedono se si può fare sesso col telefono, ma poi vagli a spiegare come fai a distinguere un telefono maschio da un telefono femmina. Vorrei chiudere, giungere al termine, anzi al terminale spento di questa lettera, parlando del problema più importante, la mia personalità multipla. Che cosa sono? Una rubrica? Un videogame? Una calcolatrice? Un video-telefono? Oltre a sentirti, ti devo pure vedere? Con quella faccia. È una telefonata o una trasmissione televisiva?
-“Sai ho fatto una video-telefonata a Mario”.
-“Com’è andata?”
-“Benissimo, abbiamo fatto il 13% di share”.
Caro direttore, prima di salutarla, le racconto un episodio di cui sono stato protagonista. Quest’inverno stavo a teatro a vedere uno spettacolo con la regia di Ronconi,  “Zio Vania” di Anton Cechov, in sala c’era un silenzio di tomba, non parlava nessuno, neanche gli attori, in scena grande tensione. D’improvviso mi è arrivata una telefonata e ho squillato come un fulmine a ciel sereno, dalla platea un signore indignato si alza e dice “basta co’ sto telefonino, disturba, qui c’è gente che dorme!”
La ringrazio per l’attenzione, ma adesso la devo salutare perché ho un avviso di chiamata.
Firmato: Nando Telefò, per gli amici Telefò Nando

 

Immagini e audio sono dei rispettivi titolari. Con questo filmato non si intendono infrangere regole sul Copyright del film.
Pin It
 

3 Risposte

  1. Giulia Ghini

    Lui aveva una suoneria che faceva il ronzìo del rasoio elettrico. Quando arrivava una telefonata fingeva di radersi e agli astanti diceva: scommetto che il vostro smartfòn questo non lo fa. Non stiamo mica più insieme.

  2. Ahahahah… Semplicemente deliziosa.

Tu devi essere loggato per scrivere un commento

credit
© blog... di scarsa utilità sociale