Facebook Twitter Gplus LinkedIn YouTube E-mail RSS
Home editoriali Fantapolitica… che non è un’aranciata che si beve in Parlamento
formats

Fantapolitica… che non è un’aranciata che si beve in Parlamento

Scusate, sto scrivendo questo articolo col computer di un’amico perché ancora non me ne hanno regalato uno a mia insaputa! Mica solo il computer, ancora non mi hanno regalato la casa, le vacanze, sempre a mia insaputa. Ah non lo sapevate? ‘Sto periodo si usa molto, vi do una dritta: basta mettersi in lista d’attesa, quella elettorale sarebbe meglio è più veloce, fai prima, ce n’è per tutti. Bisogna essere equi. In italia siamo equi. Equitalia per tutti.
Ma scherziamo? Dobbiamo riscattarci. L’italia per riscattarsi ha bisogno di una guida e di una qualche forma di gloria, l’italia ha bisogno di Gloria Guida. Ma a quante persone ha fatto bene la visione dei film dell’attuale signora Dorelli? Per quelli della mia generazione mi sento di poter dire che, anche se dicevano che faceva male alla vista, (tutte dicerie messe in giro dai produttori di film western), a me pare che facesse bene. Pagavamo 5.000 lire per entrare al cinema e potevamo rivedere il film fino all’ultimo spettacolo, adesso invece le 5000 lire le paghiamo a testa per finanziare i partiti. Sempre di film si tratta. Solo che questo non finisce mai. Noi siamo solo una mucca da mungere a partire dal contributo elettorale per finire a tutte quelle tasse che, sarà pure un caso, ma cominciano immancabilmente con la lettera i : ici, irpef, imu, iva e così via.
Viene il sospetto che la “i” stia ad indicare qualcos’altro, cioè chi ci guida c’inchiappetta – quì la “i” si capisce no? Non solo t’inchiappettano ma si lamentano pure. Con un reddito medio di 12.000 euro al mese dicono che si sacrificano per noi, rinunciano al loro lavoro per noi, vanno in televisione per noi, vanno a trans per noi… insomma loro dicono che fanno una vita da bestie, lontano dalla famiglia e dagli affetti. Allora, ma scusate, se vi fa tanto fatica fare la vita politica basta dirlo: voi andate a lavorare in fabbrica e noi a Montecitorio, noi ci prendiamo 12.000 euro e voi 1.200 (il prezzo di una tangente! Il 10% manco a farlo apposta), voi andate in mensa a mangnà la sbobba e noi ci mangiamo la spigola a 3 euro a Palazzo Madama, ma perchè volete soffrì? Soffriamo noi per voi. Calderoli dice che ogni mese versa 3.000 euro al partito e questo je paga l’affitto de ‘na casa ar Gianicolo pe’ 2.200 euro. Sei stato ministro della semplificazione, semplifica: dai direttamente 800 euro al partito e ti paghi la garconnierre di Monteverde pe’ cavoli tua! Dice che l’hanno infangato; ma ti sei mai visto allo specchio? Il fango come te vede se secca! Il trota poi non si batte, e la cosa che mi fa impazzire è che tutti i media lo prendono per i fondelli! Ma come? Ha studiato in Svizzera con il famoso metodo Cepo… ce poteva rimanè in Svizzera! E’ stato eletto al consiglio regionale lombardo e c’andava solo per rimorchiare e farsi dare i soldi, e datosi che è pure un ragazzo risparmiatore, i suoi soldi se l’imboscava e usava solo lo stretto indispensabile che gli dava il partito di papà per le spesucce quotidiane: le sigarette, un panino all’auto grill etc. etc., certo all’autogrill ci doveva pure arrivare con una macchina, così a sua insaputa si è ritrovato con una BMW. Dopo tutto ‘sto popò di roba lo coglionano pure, ma questo è un fenomeno! Avete visto che profilo che c’ha con quel naso? Ma mandatelo alla Nasa. Ah, sti figli de ‘na padana. E poi dicono di voler abolire il finanziamento pubblico ai partiti? Invece questi l’aumenteranno! Ci penserà il professore e tutta la combriccola a dargli i soldi dell’imu…cci loro.
Pin It
 

Tu devi essere loggato per scrivere un commento

credit
© blog... di scarsa utilità sociale