Facebook Twitter Gplus LinkedIn YouTube E-mail RSS
Home audiovisivi Er Paradiso
formats

Er Paradiso

Un anziano signore un giorno mi disse: La voi sapè ‘na cosa? Io già ce so’ stato in Paradiso, er problema è che nun me ricordo niente. Tu me dirai “ a vecchio rincojonito, ma che stai a di’? ” Che sto a di’? Sto a di’ che in Paradiso ce sei stato pure te e nun ce lo sai. Dimme ‘n po’, che t’ ‘o ricordi quanno che stavi dentro ‘a pancia de tu’ madre? Nun t’ ‘o poi ricordà! Nove mesi de pacchia, ‘ndo che tutti te vonno bene, te proteggono, te danno da magnà tutti i santi giorni, servito e riverito… nun devi fa ‘n cazzo, ma soprattutto… nissuno che te rompe li cojoni… er Paradiso! Come ‘o voi chiamà?!

Mi verrebbe da aggiungere che il parto rappresenti la cacciata via dal Paradiso, il momento in cui comincia l’ interminabile ridda d’affanni, prima fra tutte, la forte sculacciata sul sederino come manifestazione d’accoglienza e di benvenuto al nuovo mondo… e se il buongiorno si vede dal mattino…!!!

Il filamto che segue ne è un esempio.

Immagini e audio sono dei rispettivi titolari. Con questo filmato non si intendono infrangere regole sul Copyright del film.

 

Pin It
 

Una risposta

  1. Ester

    È potremmo anche dire che la Fata pubertà ci sgombra il sentiero che, lentamente, ma inesorabilmente ci conduce in quell’inferno che è la vita di tutti i giorni.

Tu devi essere loggato per scrivere un commento

credit
© blog... di scarsa utilità sociale