Facebook Twitter Gplus LinkedIn YouTube E-mail RSS
Home news Non sono abbronzato, qui lo dico e qui lo neg(r)o.
formats

Non sono abbronzato, qui lo dico e qui lo neg(r)o.

Pubblicato il 11 dicembre 2012, da in news.

CARISSIMI AMICI, VI INVITO A PARTECIPARE AL MIO NUOVO SPETTACOLO. L’INVITO, PURTROPPO, E’ RIVOLTO SOLO AGLI AMICI DI ROMA E DINTORNI POICHE’ LO SPETTACOLO E’ IN SCENA A ROMA AL TEATRO ROMA DAL 27 DICEMBRE AL 6 GENNAIO.

PER TUTTI GLI AMICI DEL BLOG PROMOZIONE A PREZZO SPECIALE A 11,00 EURO PER LE REPLICHE DEL 27 E DEL 28.

DAL MARTEDI’ AL VENERDI’, PER I GRUPPI DI ALMENO 10 PERSONE, PREZZO SPECIALE A 13,00 EURO.

SABATO E DOMENICA EURO 16,00.

PER LA PROMOZIONE COMPILARE UNA MAIL INVIANDOLA A: cinelook@me.com,
INDICANDO LA DATA ALLA QUALE SI E’ INTERESSATI E I NOMINATIVI, UN MASSIMO DI 2 PER OGNI MAIL.

PER PRENOTARE LO SPETTACOLO DI CAPODANNO CHIEDERE INFORMAZIONI AL TEATRO ROMA:
Info e prenotazioni: tel. 06 785.06.26

“Non sono abbronzato, qui lo dico e qui lo ne(g)ro” è un recital in cui Salvatore Marino, traendo spunto da esperienze personali rievocate con sarcastiche iperboli e stranianti giochi di parole, racconta le difficoltà di “convivenza” di un migrante al cospetto di una società ostile all’integrazione. Le storie sono firmate a più mani da autori come Massimiliano Bruno, Ermanno Fratoni, Nicola F. Leonzio, Emiliano Luccisano, Claudio Pinna, Silvia Scola e Mario Scaletta, tutte orchestrate dalla regia di Federico Andreotti. Attraverso il caleidoscopio dei vari personaggi ci si affaccia sul precipizio della realtà, delle sue contraddizioni, dell’interminabile partita tra integrazione e discriminazione. Il linguaggio è sempre caustico, la bussola dell’ironia è saldamente stretta in pugno: “dove vanno a finire le impronte digitali prese ai Rom? In un archivio digitale su CD…Rom; per aiutare gli zingari a imparare l’italiano, qualcuno ha pensato di regalare a tutti i piccoli zingari un vocabolario d’italiano: lo Zingarelli. Secondo alcuni studi antropologici era nero il primo uomo apparso sulla terra, se fosse stato bianco sarebbe apparso sulla moquette. E’ meglio dire ‘nero’ o ‘di colore’? Meglio dire ‘nero’, altrimenti dovremmo chiamare il gatto nero ‘gatto di colore’. La mancanza di lavoro spinge molti immigrati a vendere accendini ai semafori, anche se i semafori non fumano”. Salvatore Marino, insomma, si conferma il funambolo della parola che conosciamo: il suo gioco non è mai gratuito o compiaciuto, tanto più in questo recital che lo chiama in causa personalmente, lui che è figlio di madre eritrea e padre italiano. Lo spettacolo si apre con il resoconto esilarante con un vago retrogusto amaro di episodi della sua infanzia in Italia. La sua arguzia dialettica apre a significati inattesi che coinvolgono il pubblico in associazioni inusuali. Nell’arco dello show Salvatore Marino, calato nei suoi personaggi, accende illuminanti divagazioni sulle ansie che opprimono l’uomo d’inizio millennio che vuole vivere in un Paese dove non è nato, risucchiato nel vortice della globalizzazione, macerato dai problemi e dai moralismi dell’integrazione, in nuovo e incessante “logorio della vita moderna”.

 

Pin It
 

Una risposta

  1. mi piace farsapereil gentepaiesee

    bravomolto bene percheritrea stata dimenticatadlmondo.

Tu devi essere loggato per scrivere un commento

credit
© blog... di scarsa utilità sociale