Facebook Twitter Gplus LinkedIn YouTube E-mail RSS
Home editoriali Cécile Kyenge, onorati della sua presenza
formats

Cécile Kyenge, onorati della sua presenza

Pubblicato il 3 maggio 2013, da in editoriali, politica.

kyenge4

Molti telegiornali nel presentare il neo Ministro Cécile Kyenge, si sono sentiti costretti a specificare che l’Onorevole fosse di un colore piuttosto che di un altro usando l’espressione “di colore”, come se al posto del gatto nero uno dovesse dire “gatto di colore”. D’altronde è il destino del politicamente corretto, prende una cosa che funziona e non la fa funzionare. Prendiamo per esempio “Biancaneve e i sette nani”, nano è un termine che sa di handicap, di emarginazione. Il politicamente corretto vede come si può dire nano senza offendere i nani. Che cosa non può fare un nano? La prima cosa che mi viene in mente è che non può giocare a basket. Ecco, “Biancaneve e i sette nani” in politicamente corretto si dirà: “Biancaneve e i sette inidonei al basket”. Vi sembra una cosa normale? L’uso dell’eufemisfo, purtroppo, nasconde dei pregiudizi. Comunque io sono nero, mulatto, meticcio, mezzobianco, mezzonero, non lo sono diventato, lo ero sin da piccolo e desidererei essere chiamato per nome e non per il colore della mia pelle. Ad ogni modo la cosa non mi crea nessun problema, il problema è tutto vostro, io mica mi vedo, per quello che ne so potrei anche essere albino. Onorevole Ministro, non dia retta alle chiacchiere, noi siamo onorati della sua presenza e del Ministero che rappresenta. Le auguriamo buon lavoro.
Salvatore Marino

 

Pin It
 
« »

2 Risposte

  1. Rosanna Consiglio

    Salvatore, Sei GRANDE!!!…e ti voglio tanto bene! Rosanna

Tu devi essere loggato per scrivere un commento

credit
© blog... di scarsa utilità sociale