Facebook Twitter Gplus LinkedIn YouTube E-mail RSS
Home editoriali Comici Integrati
formats

Comici Integrati

Pubblicato il 5 settembre 2014, da in editoriali.

Comici-Integrati-web

GUARDA IL VIDEO

 

Parlare di razzismo a ragazzini delle scuole medie è roba tosta. Ci abbiamo provato facendoli ridere e anche un po’ pensare. In 20 minuti vi raccontiamo di questa cosa bella fatta con persone straordinarie. Grazie sempre ad Antonio GiulianiSalvatore Marino, Andrea Andy MarrariVanni Piccolo.

E’ andato in scena il 18 dicembre 2013 “Giornata Internazionale dei Migranti” nell’Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Roma la prima assoluta dello spettacolo comico “Abbronzato più o meno integrato” di Salvatore Marino e Federico Andreotti.
Lo spettacolo fa parte del progetto “Comici Integrati contro il razzismo” promosso e realizzato dall’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR) della Presidenza del Consiglio dei Ministri in collaborazione con l’associazione culturale Integrare@ e si rivolge agli studenti delle seconde e terze classi delle Scuole Medie.
L’originalità del progetto è nella modalità stessa di scrittura del testo che andrà in scena, costruito a partire dagli stereotipi e pregiudizi di cui sono vittima gli stessi studenti che assisteranno allo spettacolo. Nelle settimane precedenti allo spettacolo, infatti, è stato distribuito a tutti gli studenti interessati un questionario, da compilare in modo assolutamente anonimo, chiedendo di esprimere la propria opinione, in maniera libera e spontanea, circa pregi e difetti di persone nate o provenienti da quei paesi di maggior emigrazione verso l’Italia (Albania, Romania, Cina, India, Marocco, India) ma anche sugli stessi italiani.
Si è voluto, in questo modo, andare a sollecitare l’emersione forzata degli stereotipi e dei pregiudizi che ognuno ha, producendo risposte per certi versi inaspettate, in alcuni casi inquietanti, spesso attese che testimoniano quanto, anche fra gli adolescenti di 12 e 13 anni siano, più o meno inconsapevolmente, radicati molti stereotipi e pregiudizi verso le persone straniere, figlie di luoghi comuni, leggende metropolitane, notizie ed informazioni mal comunicate o mal apprese.
L’obiettivo del progetto è analizzare ed esorcizzare, anche attraverso la comicità, i pregiudizi emersi, mettendone in risalto l’assurdità e la mancanza di logica.
Lo spettacolo teatrale, della durata di circa un’ora, non sarà uno spettacolo tradizionale, ma un dialogo in scena dove Salvatore Marino attore di origine Eritrea porterà la propria esperienza e le proprie risposte.
Al termine dell’esibizione seguirà un incontro formativo per discutere e approfondire con ragazzi e insegnanti i temi trattati nello spettacolo, a cura di Federico Andreotti (semiologo, regista, autore televisivo) ed esperti Unar.
Lo spettacolo – accompagnato dalla previa distribuzione ed analisi dei questionari all’interno delle classi- sarà ripetuto nei prossimi mesi in altre 13 scuole.

Pin It
 

Tu devi essere loggato per scrivere un commento

credit
© blog... di scarsa utilità sociale