Facebook Twitter Gplus LinkedIn YouTube E-mail RSS
formats

Cyrano negro

Cirano-negro

GUARDA IL VIDEO

 

Ecco come replicherebbe un immaginario Cirano di Bergerac “nero” all’insulto “Sporco negro!” (profferito da uno dei tanti “Borghezio” in circolazione).

Sporco negro a me?! Che grande occasione ha perso. Poteva, volendo, fare dell’insulto un grande monumento scolpito con parole arroventate, dette piano, cesellate una per una, per trasformare il fiato in colpi di scalpello nel marmo avvelenato. Perché non si è sforzato di avvalersi di una terminologia che gli avrebbe, sicuramente, conferito una più decorosa immagine di se. Ecco, avrebbe potuto usare:

altre mille espressioni
se davvero voleva
con fare intelligente
rompermi i coglioni.

Poteva cominciare
con fare impersonale:
non ti posso vedere
nemmeno sul giornale!

Avrebbe potuto dirmi
con tono irriverente:
pure se ti lavi
risulti puzzolente
con te il sapone e’ vano
poiche’ l’olezzo tuo
si sente da lontano.

Indi affondare
un pò di più la lama
fotografo di fama:
se entri in una foto
rovini il panorama!

Finto bucolico:

tu vaghi nel deserto
solingo e affaticato
oh pastorello etiope
ma va’ mori’ ammazzato.

Telegrafico:

negro stop
quando te ne rivai stop
affanculo stop
al paese tuo stop
invece di star qui stop
in Italia stop
ai semafori stop
e agli stop. Stop!

Avrebbe potuto usare
per cuocermi a puntino
il fare milanese
di un leghista un po’ borghese:

cioe’ ragazzi, voglio dire
capisco la necessita’di un popolo oppresso
capisco il negro che vuole adare via dall’Africa
uno che vuole cercare la propria identita’
uno che vuole giustizia
uno che vuole liberta’
ma uno cazzo! Questi so’diventati una marea!!

Volendo si può essere ancora più realisti
usando le parole da veri enigmisti:

lo sai che l’anagramma
di negro e’ “rogne?”
le eviteresti tutte
tornando nelle fogne.

E osare ancora
e superar se stessi
di ghiaccio il cuore
e l’anima furente:

che nostalgia struggente
delle vittorie italiche
sul popolo eritreo
di quando a testa in giù
eravate un bel trofeo
tu pensa che fortuna
quando avevate il Ras
se un negro era anche ebreo
si risparmiava il gas.

E infine delirando
da naziskin convinto:

facemmo un grande errore
a preferir gli ebrei a quelli di colore
perché a pensarci bene
una volta acceso il forno
potevate benissimo fare da contorno!”

Ecco cosa avrebbe potuto dirmi
se davvero voleva almeno infastidirmi.
Ma giunto al fin della licenza io tocco
e dell’insulto da lui prodotto
a dire il ver io me ne fotto.

GUARDA IL VIDEO
Pin It
 
formats

Lessico e nuvole 20

lessico-20-fiscale
ACQUIETARSI: calmarsi stando ammollo.
CESSATA: buttata nel cesso.
CONDONO: legge con regalo incorporato.
ELEGANTEMENTE: bugiardo ben vestito.
INCARNATO: venuto al mondo molto in carne.
MAZZINI: mucchi di pizzini.
MINESTRA: pietanza a base di esplosivi.
PRUDENTE: dente pruriginoso.
RAZZISTA: chi non si fà i razzi suoi.
RISAIA: luogo dove si raccontano barzellette.
SCONTRINO: piccolo scontro tra onestà ed evasione fiscale.
SEGAFREDO: caffè per onanisti.
SOPRANO: cantante del piano di sopra.
VIVAIO: autoesaltazione sgrammaticata.
Pin It
 
formats

TV, dal tubo catodico a quello caotico

Pubblicato il 23 giugno 2013, da in editoriali.

Storia-della-TV

Il potere della televisione si può sintetizzare in questo assunto: “la tivù è quello strumento che permette a quelli che non hanno un cavolo da fare, di guardare quelli che non sanno fare un cavolo“. Parliamo della qualità della televisione. Il problema non è se la televisione faccia schifo o meno, il problema è un altro. Il problema è quale televisione? Quella a tubo catodico, tipicamente laica, o quella a tubo cattolico credente e praticante? La qualità dei programmi dipende forse dalla marca del televisore? E’ forse per via dei televisori ultra-piatti che i programmi si sono appiattiti? Ci sono programmi per adulti con televisori al plasma, e programmi per bambini con televisori al Plasmon. La tv spazzatura dilaga a tal punto che il canone tv e la tassa sull’immondizia si pagheranno in un’unica bolletta. Parliamo dei reality, “L’isola dei famosi”: che cosa ha spinto milioni di telespettatori a vedere la Pellegrino in finta pelle di leopardo e Adriano in vera pelle di Pappalardo? “L’isola dei famosi” è l’unica cura dimagrante dove i pazienti per dimagrire invece di pagare sono pagati. Ormai in Italia a parte i pentiti, gli unici che si confessano sono quelli del “Grande Fratello”, in questo caso la penitenza la devono fare gli spettatori, con dieci Ave Maria De Filippi e il rosario con Ora Bonolis. C’è una notizia dell’ultim’ora, Lino Banfi sarà Lorenzo il Magnifico nella nuova serie Rai “Un Medici in famiglia”. Il palinsesto della rete pubblica riconferma “Domenica… in” con migliaia di conduttori e un solo ospite, secondo i rilevamenti Auditel, il programma sta diventando la tv dei vecchietti, infatti la chiameranno “Domenica… INPS”. Insomma, sempre meno giovani davanti al piccolo schermo… o al piccolo scherno?

Pin It
 
formats

Pisello

PISELLO: legume sovente accusato di ortaggio al pudore.
Pisello-ortaggio-pudore
Pin It
 
formats

Lessico e nuvole 19

Lessico-e-nuvole-19-D
ACCANTO: quando si ha al proprio fianco la lettera “H”.
ALBINO: pallido fratello di Albano.
BARICENTRO: avere equilibrio al centro di Bari.
CONTRAS: profilattico del Nicaragua.
DOPEX: profilattico del giorno dopo.
DURAZZO: il viagra degli albanesi.
INTRONATO: ex tronista della De Filippi che non si è più ripreso.
MORS TUA, VITA MEA: ‘tacci tua.
OCCORRENTE: quando l’Enel non me la stacca.
PISELLO: legume sovente accusato di ortaggio al pudore.
PORCELLANE: soprammobili dai facili costumi.
PROFITTEROL: profilattico del pasticcior.
TEDIARE: ammorbare con massicce dosi di tè.
Pin It
 
formats

Lessico e nuvole 18

lessico-e-nuvole-18b

ANNEGARE: affogare negando.
CANOTTO: otto cani… e CAZZOTTO?…
CHIETI: e ti sarà tato.
COSTITUZIONE: solitamente sana e robusta, attualmente pelle e ossa.
DIABETE: albero iperglicemico.
DIRITTI: pochi, curvi sempre di più.
ELEGANZA: elezione della più porca.
INTESE: larghi accordi sempre alle corde.
PIATTOLE: si detergono in lavastovigliole.
PINO: un albero chiamato Giuseppe.
PIOPPO: albero beatificato.
POESIA: invocazione per Edgard Allan.
PRÊT-à-PORTER: sacerdote a portar via.
TENACE: accanito bevitore di tè.
Pin It
 
credit
© blog... di scarsa utilità sociale